I carabinieri seguono ed osservano a distanza: poi fanno scattare le manette

 

A conclusione d’un “mirato” servizio antidroga i carabinieri della Compagnia di Corigliano diretta dal capitano Cesare Calascibetta hanno arrestato un uomo e una donna per detenzione e cessione di sostanza stupefacente del tipo cocaina. È accaduto durante la giornata di ieri, quando i militari della Stazione di Corigliano Scalo hanno cominciato un lungo pedinamento nei confronti d’un noto pregiudicato coriglianese, gravato da numerosi precedenti per droga. L’uomo, infatti, a bordo della propria utilitaria, ha percorso tutto il territorio di Corigliano in lungo ed in largo, e, dopo aver attraversato la periferica contrada di San Nico, s’è diretto verso Tarsia.

I carabinieri “in incognito” ne hanno seguito a debita distanza gli spostamenti fino a quando il pregiudicato s’è fermato proprio all’imbocco autostradale, quello di Tarsia, appunto. Ha stazionato lì per qualche minuto, e poco dopo è stato raggiunto da una Ford Focus Station Wagon con a bordo un uomo e una donna. Un appuntamento veloce: non un saluto tra amici, ma uno scambio di droga.

 

Il coriglianese ha infatti consegnato all’altro uomo una somma di denaro e quest’ultimo, in cambio, gli ha consegnato un involucro. A quel punto sono intervenuti i carabinieri e li hanno immobilizzati. L’immediata perquisizione ha permesso di trovare nella tasca del giubbotto del coriglianese l’involucro con all’interno della cocaina, mentre addosso alla coppia è stata rinvenuta una cospicua somma di denaro contante, frutto dello scambio appena avvenuto. La perquisizione è stata estesa alle rispettive autovetture, e ciò ha permesso di trovare all’interno d’uno dei mezzi pure della mannite, che sarebbe dovuta servire per “tagliare” successivamente la cocaina prima d’immetterla sul mercato. Sequestrata la droga e il denaro, il terzetto è stato condotto in caserma a Corigliano. Gli accertamenti sulla sostanza stupefacente attraverso i test a tampone con reagenti ha permesso d’acclarare che si trattava di cocaina pura per poco più di 6 grammi, da cui sarebbero state ricavate circa 25 dosi da immettere sul mercato per un guadagno di circa un migliaio d’euro.

 

La coppia che aveva venduto la cocaina è stata identificata in P.A., 48enne cosentino ma residente a Montalto Uffugo e con diversi precedenti specifici alle spalle, mentre la donna in F.G. 36enne originaria di Latina ma residente da diverso tempo a Montalto Uffugo. Entrambi ammanettati con l’accusa di detenzione e cessione di cocaina: l’uomo è finito in carcere, la donna ai domiciliari su disposizione del magistrato di turno in Procura a Castrovillari in attesa del processo per direttissima. Il coriglianese è stato invece segnalato alla Prefettura di Cosenza per uso personale di sostanza stupefacente.