Nel M5S scoppia il “caso Pistoia”. Lo stimato dirigente scolastico cittadino con un passato da dirigente di Rifondazione comunista (foto) “avvicinato” per la candidatura a sindaco di Corigliano Rossano da parte della senatrice del Movimento Rosa Silvana Abate, non perde tempo nel contattare la redazione di AltrePagine per smentire la notizia diffusa questa sera: «Mai avuto contatti da parte della senatrice per la candidatura a sindaco e mai colloqui con lei per lo stesso motivo: non potevo quindi rifiutare alcuna offerta». Ma la smentita di Antonio Pistoia viene a sua volta smentita da parte del deputato del M5S Francesco Sapia, il quale evidentemente conosce la vicenda

e alla nostra domanda «Come mai Pistoia ha rifiutato?» ci ha risposto «Troppi impegni, credo», e all’altra nostra domanda «Avete insistito?» ci ha risposto «È una persona seria, inutile insistere, avrebbe detto sì, o vediamo, invece…». E la smentita d’una smentita è... una conferma.

 

Dunque a Pistoia il M5S ha offerto la candidatura a sindaco e questo è un fatto acclarato. E lui ha rifiutato. Con ogni probabilità la senatrice Abate o chi per lei, stasera, appreso che la notizia era diventata di dominio pubblico, avrà magari (ri)contattato il preside Pistoia chiedendogli di smentire la “cosa” perché la profferta di candidatura magari non era stata partecipata all’interno del M5S. Chissà. Forse una proposta condotta a titolo personale - o quasi - da parte d’un ristrettissimo numero di rappresentanti del M5S. In politica non è un fatto nuovo: ci sta...

LEGGI ANCHE

Corigliano Rossano | Nel M5S un vorticoso giro di “candidati” a sindaco