Non ci sta l’avvocato Lanciano alla campagna denigratoria perpetrata su internet da alcuni giornali. Ancora una volta ci consta lamentare la deriva mediatica che le questioni penali sembrano avere ormai preso. Processi già celebrati sui giornali, materiale e atti di indagine divulgati al di fuori di ogni controllo. La notizia in questione, apparsa sui giornali il 4 dicembre scorso, riporta un’inchiesta su uno studio legale di Bari, piuttosto importante e con sedi anche all’estero, dove l’avvocato Lanciano ha dapprima svolto la pratica forense e poi ne è diventato socio fino al 2014, sicché il suo coinvolgimento appare un atto dovuto da parte degli inquirenti.

Già dal 2015, replica il suo difensore di fiducia l’avvocato Adelaide Todaro del foro di Castrovillari, il mio assistito aveva rassegnato le dimissioni dallo studio legale associato Primavera & Partners, per mettersi in proprio dopo essersi definitivamente trasferito in Calabria, e punta il dito sulla Procura per l’imbarazzante fuga di notizie su un’indagine così delicata che coinvolge professionisti affermati e stimati e che, muovendo da una denuncia della politica (l’inchiesta muove da una denuncia del Governatore Emiliano apparsa sui giornali baresi il 14 settembre 2018) doveva essere svolta nel massimo riserbo. Il mio assistito, continua l’avvocato Todaro, si è subito messo a disposizione degli inquirenti fornendo ogni utile supporto al fine di chiarire  la propria posizione di totale estraneità ai fatti per come contestati, riservandosi , altresì, di presentare querela per diffamazione nei confronti di alcuni giornali di stampa calabresi. È giusto il caso di ribadire, a gran voce che ci debba essere un giusto equilibrio fra il diritto all’informazione ed il rispetto rigoroso della funzione giurisdizionale. Bisogna difendere i principi, costituzionalmente garantiti, della presunzione di non colpevolezza e della centralità di un eventuale dibattimento quale garanzia essenziale per l’attuazione del giusto processo. Non si può accettare di portare alla gogna uno stimatissimo professionista.