Due auto sono state date alle fiamme durante la scorsa notte a Sibari. L’incendio è divampato in Via Olimpo, a pochi metri dalla locale Stazione dei carabinieri. Ad intervenire sono stati i vigili del fuoco del distaccamento di Castrovillari che hanno spento il rogo ed accertato che s’è trattatto d’un atto doloso.

Sul cofano e sui parafanghi delle vetture, una Fiat 500 L ed una Seat Marbella, sono state infatti trovate tracce di liquido infiammabile.

 

Le auto ormai carbonizzate erano di proprietà d’un commerciante in pensione, Franco Iacobini, e di suo figlio Luca, entrambi incensurati, i quali vivono in un palazzo del quartiere: si trovavano parcheggiate vicine, sulla strada che costeggia la caserma dei carabinieri che ora indagano sul caso non escludendo alcuna ipotesi investigativa in merito al movente intimidatorio del fatto. L’incendio doloso era divampato poco dopo la mezzanotte. Il figlio di Iacobini è un dipendente del Minerva club resort di Marina di Sibari, teatro, nei giorni scorsi d’un clamoroso atto incendiario.

LEGGI ANCHE

Sibari | Incendio al “Minerva”: s’indaga sul banchetto nuziale…

Sibari: incendio doloso al “Minerva club resort”