Subisce nottetempo una rapina da 4 mila euro in contanti. La vittima del fatto, avvenuto stanotte alla marina di Schiavonea di Corigliano-Rossano, viene percossa e pericolosamente minacciata con dei coltelli. Finisce in ospedale, nel presidio “Guido Compagna”.

 

Dal Pronto soccorso medici e infermieri allertano i carabinieri, perchè le lesioni riportate dal rapinato - un uomo di nazionalità marocchina - sono gravi.

 

I militi dell’Arma giungono in ospedale, interrogano la vittima e così scattano le immediate indagini alla ricerca dei malviventi.

Che vengono stanati poco dopo proprio alla marina di Schiavonea. Uno di loro era ben conosciuto dalla vittima stessa.

 

Il marocchino, infatti, poco dopo, l’ha riconosciuto senz’ombra di dubbio. Ed è quello che avrebbe materialmente consumato la rapina.

Non solo. Già, perché i carabinieri hanno pure acquisito alcune testimonianze che hanno palesato l’uscita notturna d’un gruppetto d’extracomunitari, tre per l’esattezza, proprio i tre soggetti sottoposti a fermo d’indiziato.

Si tratta di tre marocchini di 31, 25 e 23 anni.

 

Adesso sono accusati di rapina aggravata in concorso tra loro.

Stanotte stessa sono stati condotti in carcere su disposizione del magistrato di turno in Procura a Castrovillari.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.