Ennesimo blitz antidroga a Corigliano-Rossano condotto con successo dai poliziotti del Commissariato cittadino diretto da Cataldo Pignataro. I detective hanno bloccato l’attività di spaccio che veniva condotta da un giovane coriglianese all’interno della sua abitazione.

 

Gl’investigatori della squadra di polizia giudiziaria guidata dall’ispettore Stefano Laurenzano hanno organizzato un apposito servizio d’osservazione e appostamento proprio all’interno della palazzina dello Scalo coriglianese in cui risiede lo spacciatore, Giuseppe Campana, di 24 anni, laddove insiste pure un frequentato centro d’assistenza fiscale. I poliziotti, infatti, fingendosi proprio clienti del Caf, hanno assistito alla contrattazione tra lo spacciatore ed un altro giovane, avvenuta sul pianerottolo e finalizzata alla vendita di droga.

 

A quel punto hanno bloccato il cliente e fatto irruzione nell’appartamento. Dove Campana è stato colto in flagranza di reato, intento a pesare marjiuana con un bilancino di precisione e un coltellino. Lo spacciatore aveva a disposizione ben 121 grammi di sostanze stupefacenti, tra marijuana ed hashish. Gli agenti gli hanno sequestrato pure diverse banconote per complessivi 125 euro, ritenute provento dello spaccio.

 

Dichiarato in arresto, il magistrato di turno in Procura a Castrovillari ne ha disposto la traduzione in carcere in attesa del processo per direttissima nei suoi confronti. Il giovane è difeso dall’avvocato Fabio Salcina del foro di Castrovillari.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.