Continue minacce, violenze verbali e fisiche a Corigliano-Rossano. Vittima una donna coriglianese. Carnefice il proprio marito. Che, nella giornata di ieri, s’è visto notificare un’ordinanza applicativa di misura cautelare con l’obbligo d’allontanarsi dal tetto coniugale e di non avvicinarsi alla moglie

 

emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari ed eseguita dai carabinieri coriglianesi della Stazione Scalo. L’indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e violenza privata è un 52enne coriglianese. L’epilogo della drammatica vicenda coniugale e familiare è avvenuto la sera della vigilia di Natale, quando l’uomo ha aggredito la consorte sia verbalmente che fisicamente.

 

 

La donna era stata costretta a invocare l’aiuto dei vicini di casa. Poi la corsa al Pronto soccorso del presidio ospedaliero “Guido Compagna” a causa degli ematomi e delle escoriazioni provocatele dal marito violento.

 

Tempestivo pure l’intervento dei carabinieri, che hanno acquisito la dettagliata e circostanziata denuncia della donna, che subiva in silenzio e nel terrore da diversi mesi. Importanti anche le testimonianze dei vicini di casa. Sulla base di tale quadro, il gip di Castrovillari, su richiesta del magistrato della Procura titolare del fascicolo d’indagine, ha emesso il provvedimento eseguito ieri.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.