Una storia a lieto fine. Una segnalazione giunge ai carabinieri da parte dei familiari d’un anziano residente nel Comune di Acri. L’uomo, un 80enne affetto da demenza senile, la sera precedente s’era allontanato dalla propria abitazione ed ai suoi congiunti aveva riferito telefonicamente di trovarsi vicino alla sponda d’un fiume, incastrato tra la fitta vegetazione d’un canneto.

 

È accaduto tutto durante la notte natalizia del 24 dicembre. A mettersi in moto è toccato ai carabinieri della Stazione di San Demetrio Corone, che hanno accuratamente perlustrato la contrada pedemontana Macchia del Pozzo, al confine tra i territori di San Demetrio ed Acri.

 

Le ricerche degli uomini dell’Arma si sono concluse col ritrovamento dell’uomo, che in effetti si trovava vicino a un torrente, messo così in salvo. Lo sfortunato anziano che s’era perduto era infreddolito, spaventato e debilitato.

 

I carabinieri l’hanno coperto con alcuni indumenti ed hanno allertato il servizio sanitario del 118 e i vigili del fuoco, al fine di trasportarlo da quel luogo impervio a bordo d’una barella e di trasportarlo sull’autoambulanza. Ricoverato nel presidio ospedaliero “Guido Compagna” di Corigliano-Rossano, è stato già dimesso e sta bene.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.