È stato un blitz “mirato” quello compiuto dai carabinieri, stamane, a Corigliano-Rossano, nell’abitazione d’un pregiudicato residente nel centro storico coriglianese. Erano le 7 quando gl’investigatori dell’Arma, in forze, hanno fatto irruzione in Via Piave.

 

Obiettivo: perquisire la casa del 38enne Leonardo Orlando. La perquisizione domiciliare ha dato esito negativo, ma sulla strada, sotto al balcone dell’appartamento, i detective hanno rinvenuto un involucro contenente droga. Che, secondo, gli stessi operanti, l’uomo o qualcuno della sua famiglia avrebbe fatto in tempo a lanciare dal balcone prima che l’abitazione venisse passata al setaccio. 

 

 

Perciò, Orlando è stato dapprima condotto nella caserma del Comando Compagnia dell’Arma allo Scalo, e qualche ora dopo dichiarato in arresto, di concerto col magistrato di turno in Procura a Castrovillari, per il preteso reato di detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio.

 

Dopo le formalità di rito è stato riaccompagnato nella propria abitazione, dove ora si trova agli arresti domiciliari. Da qui alle prossime ore, Orlando, il quale è difeso dall’avvocato Francesco Paolo Oranges, dovrà comparire davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari per l’interrogatorio di garanzia, l’eventuale convalida dell’arresto e l’eventuale processo per direttissima.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.