Brillante blitz della polizia: in manette il 31enne Domenico Vito

 

 

Ennesimo blitz antidroga da parte dei poliziotti in forza alla squadra di polizia giudiziaria del Commissariato di Corigliano-Rossano diretta dall’ispettore capo Stefano Laurenzano sotto le superiori direttive del vice questore aggiunto Cataldo Pignataro. A finire in manette stavolta è toccato ad un giovane residente nel Comune di Cassano Jonio che aveva aperto una piazza di spaccio a Corigliano-Rossano.

 

Si tratta di Domenico Vito, di 31 anni. Ad insospettire gl’investigatori, gli strani movimenti di numerosi tossici della zona interessata dall’attività di spaccio, che aveva come punto d’approvviggionamento e base operativa il quartiere Timpone rosso di Lauropoli, nel Cassanese, l’enclave del locale di ‘ndrangheta cosiddetto “degli zingari”.

 

 

Decisi ad effettuare il blitz, i poliziotti coriglianrossanesi hanno bloccato in modo fulmineo l’autovettura di Vito. L’immediata perquisizione personale ha permesso ai detective di rinvenire tre involucri in cellophane termosaldati contenenti sostanza stupefacente del tipo eroina del peso complessivo di 15 grammi, per un valore “commerciale” di circa 750 euro. Perquisizione estesa sia all’autovettura che all’abitazione dello spacciatore.

 

Vito è stato perciò dichiarato in arresto per detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio. Su disposizione del magistrato di turno in Procura a Castrovillari, assegnato ai domiciliari in attesa del processo nei suoi confronti.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.