I poliziotti in forza alla squadra di polizia giudiziaria del Commissariato di Corigliano-Rossano hanno tratto in arresto un 35enne con a carico numerosi precedenti di polizia nella popolosa frazione marina di Schiavonea, per i reati di porto e detenzione illegale d’arma comune da sparo e relativo munizionamento, ricettazione in quanto l’arma è risultata di provenienza furtiva, resistenza a pubblico ufficiale, detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

 

L’arresto è stato effettuato ieri pomeriggio a seguito di riservati servizi d’osservazione e pedinamento dell’ù’immigrato, da parte degli stessi poliziotti, proprio a Schiavonea. Quando è stato fermato, Mohamed Nassir, 35 anni, di nazionalità marocchina e domiciliato da tempo proprio a Schiavonea, era alla guida d’una Volkswagen Golf verde di proprietà della convivente. Privo di valida patente di guida, ha cercato con una manovra repentina di speronare l’auto dei poliziotti e di darsi a una precipitosa. Ne è scaturito un rocambolesco inseguimento per le strade della frazione, a quell’ora frequentata da turisti e passanti. Col marocchino che durante la propria corsa s’è disfatto d’una grossa busta prima d’essere bloccato.

 

 

L’immediato recupero della busta ne svelava il contenuto: una carabina sovrapposta calibro 8 e 10 cartucce. Decisivo l’intervento d’altre pattuglie di poliziotti. La successiva perquisizione dell’abitazione del 35enne ha consentito agli agenti di rinvenire altre 30 cartucce per carabina calibro 8, ben 48 cartucce per pistola calibro 22 e 17 grammi di marijuana suddivisi in 8 involucri di cellophane trasparente. Dagli accertamenti svolti è stato acclarato che il munizionamento e l’arma sequestrati erano stati rubati di recente nel Comune di Cerchiara. Il magistrato di turno alla Procura di Castrovillari Valentina Draetta ha disposto la traduzione in carcere dell’arrestato. 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.