Si tratta di Domenico Abate e Giulia Marincolo, di 48 e 36 anni. Denunciato il fratello di lui

 

 

Blitz antidroga “mirato” da parte dei poliziotti in forza alla squadra di polizia giudiziaria del Commissariato di Corigliano-Rossano in casa d’una coppia di coniugi residente nella grande città jonica. Marito e moglie, infatti, nella loro abitazione rossanese di Lido Sant’Angelo avevano impiantato una coltivazione artigianale di marijuana: ben 7 piante. E assieme ad esse gl’investigatori diretti dall’ispettore capo Stefano Laurenzano hanno pure rinvenuto 80 grammi di “maria” messa ad essiccare.

 

La perquisizione domiciliare è andata in scena nel pomeriggio di ieri. Le piante sequestrate erano coltivate in alcuni grossi vasi sistemati sulla veranda di pertinenza dell’appartamento dei coniugi, accessibile soltanto a loro. Così il 48enne Domenico Abate e la 36enne Giulia Marincolo sono stati dichiarati in arresto per coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio. Informato il magistrato di turno in Procura a Castrovillari Giovanni Tedeschi, quest’ultimo ha disposto la remissione in libertà dei coniugi, entrambi incensurati.

 

 

Nello stesso blitz è stato denunciato a piede libero un fratello di Abate, 45enne e pluripregiudicato, anch’egli per detenzione di droga dal momento che pure nell’abitazione di quest’ultimo sono state rinvenute alcune dosi di marijuana già confezionata, altre piante ed un bilancino di precisione. 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.