C’è chi lo sta etichettando come un sexy-ricatto. Ma la vicenda, per molti pruriginosa e comunque assai torbida, ha i connotati d’uno scandalo pecoreccio che parte da Corigliano-Rossano, passa da Cosenza e si sviluppa a Catanzaro, attraverso i social media d’alcuni gruppi su Facebook e WhatsApp. I protagonisti sono una ragazza d’appena 20 anni, rossanese e studentessa universitaria in quel di Cosenza - la vera vittima del “caso” - e un “uomo di mondo”, un professionista riconosciuto, il noto geologo cosentino Carlo Tansi, 57 anni, già capo della Protezione civile della Calabria e lo scorso inverno candidato senza successo alla presidenza della Regione.

 

Già, ma che è successo e che succede? Alla prima domanda noi non siamo in grado di rispondere. Sulla seconda, invece, c’è una querela presentata dall’avvocato Nicola Mondelli, legale di Tansi, contro un uomo politico regionale di primissimo piano che risponde al nome del presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini, denunciato per i pretesi reati di diffamazione, violazione della privacy e sextortion, vale a dire estorsione con minaccia di divulgare immagini private. E poi c’è l’annuncio di Tallini di volere a sua volta querelare Tansi. E in mezzo a tali carte bollate vi sarebbe una chat privata tra due adulti consenzienti, la 20enne rossanese e Tansi il quale però smentisce parlando di fake, vale a dire di chat farlocche costruite ad arte da qualcuno e nelle quali emergerebbe un estemporaneo flirt virtuale.

 

L’avvocato Antonella Ferrigno

 

Proprio stamane la giovane ragazza tirata in ballo - pesantemente insultata e brutalmente offesa nei tritacarne social in cui suo malgrado in questi ultimi giorni è finita - a sua volta s’è vista costretta a rivolgersi anch’ella a un legale al fine di tutelare la propria onorabilità. Il mandato l’ha affidato all’avvocato rossanese Antonella Ferrigno, del foro di Castrovillari. La professionista sta già lavorando a una serie di querele contro persone ben individuate ed altre denunce contro ignoti a tutela della vittima assistita.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.