Ennesima auto in fiamme a Corigliano-Rossano. Ennesimo incendio di natura dolosa. Clamorosamente consumatosi alla luce del giorno, quasi alla luce del sole, verso le 19 di questa sera. Siamo nella contrada coriglianese di Fabrizio e la vettura presa di mira è un’auto di grossa cilindrata

 

riconducibile al 57enne F.G., autotrasportatore incensurato, ma stretto congiunto, fratello, d’alcuni notissimi pregiudicati locali, i cui nomi e volti sono considerati di spicco nell’ambito della criminalità organizzata locale. La potente berlina cui sono state appiccate le fiamme da mani ignote era in uso alla moglie, una donna di nazionalità straniera ed originaria dell’Est Europa.

 

 

Sul posto vi sono tuttora i vigili del fuoco del Distaccamento cittadino e i carabinieri della Sezione operativa radiomobile della Compagnia coriglianese. Il clima di terrore nella parte coriglianese della città - assurta al ruolo d’una nuova Beirut degli anni Ottanta - diventa sempre più incandescente, nel senso più letterale del termine.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

 

LEGGI ANCHE

Corigliano-Rossano | Ancora fuoco a un’auto: incendio sventato ma poteva essere un inferno