A distanza di poco più d’una settimana dalla sventata chiusura d’Ostetricia-Ginecologia e Pediatria nell’ospedale cittadino, dei medici necessari non si sono viste neppure le ombre. Mercoledì Consiglio comunale monotematico, presto la conferenza dei sindaci della Sibaritide 

 

 

Punto e a capo. Della convenzione finalizzata ad inviare i medici di cui necessita il reparto di Pediatria nel presidio ospedaliero “Guido Compagna” dello spoke di Corigliano-Rossano ancora neppure l’ombra, a distanza di poco più d’una settimana dall’ordinanza di chiusura non soltanto della Pediatria ma anche dell’Ostetricia-Ginecologia, poi sventata per effetto d’un energico intervento da parte del sindaco della città Flavio Stasi (foto) e del parlamentare cittadino del M5S Francesco Sapia. In pratica, in vigore di quell’ordinanza emessa dal direttore sanitario dell’ospedale spoke “Guido Compagna”-“Nicola Giannettasio” Pierluigi Carino, a Corigliano-Rossano alle donne non sarebbe stato più possibile di partorire ed ai bambini d’essere ricoverati in Pediatria. Non solo. Sì, perché le stesse partorienti ed i piccoli pazienti già ricoverati tra l’Ostetricia-Ginecologia e la Pediatria sarebbero stati trasferiti tutti in altri ospedali della provincia cosentina, alcuni distanti centinaia di chilometri dalla città. Praticamente sarebbe stata decretata la morte di quello che è il punto nascita più produttivo dell’intera Azienda sanitaria provinciale, con la propria media consolidata di circa 800 parti l’anno.

Il sindaco Stasi è pronto a riunire la conferenza dei sindaci, ma sollecita le dimissioni del commissario del Governo per l’emergenza sanitaria in Calabria Saverio Cotticelli, il quale, per come sostiene lo stesso primo cittadino, non avrebbe mantenuto fede agli stringenti impegni presi nei primi giorni di settembre, proprio nel municipio di Corigliano-Rossano, anche alla presenza di tutti gli altri sindaci del vasto comprensorio della Sibaritide. E adesso Stasi punta dritto alla «rivolta dei sindaci insieme ai nostri concittadini, perché quella che stiamo vivendo è una situazione assurda, ed è tragico che l’Azienda sanitaria provinciale non riesca a mandare i medici necessari». La chiusura d’Ostetricia-Ginecologia e Pediatria era stata “stoppata” dalla reggente dell’Asp Erminia Pellegrini, che nel documento di sospensione dell’ordinanza del direttore sanitario dell’ospedale aveva citato una convenzione per l’invio di medici con la formula della prestazione aggiuntiva. Medici che, a tutt’oggi, non sono mai arrivati.

 

Il presidio ospedaliero “Guido Compagna” di notte

 

Che fine hanno fatto le assunzioni autorizzate soltanto qualche settimana fa da parte del commissario regionale Cotticelli? Tuona il sindaco Stasi: «Qui servono i medici necessari e subito». C’è poi il “fatto misterioso” del concorso per l’assunzione di due pediatri per l’ospedale di Corigliano-Rossano, “congelato” da prima dell’estate: «È ancora fermo quel concorso: perché?» insiste il sindaco, che, rivolgendosi direttamente al commissario Cotticelli: «Ci mandi i medici oppure si dimetta». Il caso d’Ostericia-Ginecologia e Pediatria ha fatto scoccare la scintilla che sta accendendo un fuoco, dunque. Il fuoco d’una emergenza sanitaria infinita a Corigliano-Rossano e che da mesi e mesi vede i due Pronto soccorso in totale carenza di personale, la Chirurgia senz’anestesisti così come Ortopedia e Nefrologia senza medici e paramedici. «Così non si può andare avanti. Nei giorni scorsi ci hanno riferito che sarebbe in via di definizione una convenzione con un’associazione per l’invio di pediatri, ma ad ogni modo non è questa la soluzione del grave problema, trattandosi d’una mera soluzione-tampone». Stasi rivolge quindi il proprio appello a tutti i sindaci del comprensorio ad unirsi alla «battaglia che parte da Corigliano-Rossano nell’interesse dell’intero comprensorio della Sibaritide che è servito da quest’unico ospedale». Frattanto, per mercoledì 30 ottobre prossimo è stato convocata una seduta straordinaria e monotematica del Consiglio comunale cittadino proprio sull’emergenza sanitaria.

 

 

Una seduta del Consiglio comunale cittadino

LEGGI ANCHE

Corigliano-Rossano | Sanità a brandelli. Ma il popolo è pronto a seguire il sindaco in “guerra”?

 

Corigliano-Rossano | Ospedale, chiudere Pediatria ed Ostetricia-Ginecologia? Il sindaco: «Ora hanno tirato troppo la corda»

 

Sanità locale: 74 nuove assunzioni di personale medico e paramedico