Ieri alla presentazione lametina di ‘Ndrangheta (ex) padrona presenti il sindaco, noti politici e magistrati   

Pubblico numeroso, qualificato, attento e interessato alla presentazione del libro ‘Ndrangheta (ex) padrona del giornalista calabrese Fabio Buonofiglio, tenutasi ieri a Lamezia Terme presso la storica Libreria Tavella.

All’incontro hanno conversato con l’autore l’avvocato Mario De Grazia, scrittore e politico notoriamente impegnato sul difficile fronte antimafia nel comprensorio lametino, e l’avvocato Massimo Canale, candidato a sindaco di Reggio Calabria nell’ultima tornata elettorale, uscito sconfitto nella città dello Stretto la cui Giunta ed il cui Consiglio comunali sono stati recentemente sciolti per 'ndrangheta.

Nel pubblico, diversi volti noti di Lamezia Terme: dal sindaco Gianni Speranza all’avvocato ed ex parlamentare progressista Italo Reale, al magistrato del Tribunale di Catanzaro Gabriella Reillo, oltre al titolare della libreria, Gioacchino Tavella, già consigliere ed assessore comunale della popolosa città calabrese, il quale ha fatto "gli onori di casa". 

Il libro di Buonofiglio tratta la drammatica vicenda dello scioglimento d’un consiglio comunale per infiltrazione della criminalità organizzata, un libro-documento che ricostruisce la storia dello scioglimento per ‘ndrangheta del Comune di Corigliano Calabro, i cui cittadini, dopo due anni, proprio in questi giorni sono chiamati alle urne.

A Lamezia Terme, il cui Comune per ben due volte è stato sciolto per ‘ndrangheta (nel 1991 e nel 2002) e al cospetto del candidato sindaco di Reggio Calabria sconfitto al ballottaggio dal primo cittadino Demetrio Arena estromesso per lo stesso motivo e recentemente premiato dapprima con una candidatura in Parlamento e da ultimo con un Assessorato alla Regione Calabria, la presentazione di ‘Ndrangheta (ex) padrona s’è articolata soprattutto sotto il profilo politico ed istituzionale, tanto sulla vicenda specifica trattata quanto sulla necessità che venga riformata e migliorata la normativa che disciplina gli scioglimenti dei consigli comunali per infiltrazioni criminali alla luce d’una serie di “chiaroscuri” che, a distanza di oltre vent’anni dalla sua approvazione, essa oggi presenta. 

La discussione è stata arricchita dai qualificati interventi dei presenti.


Foto: in alto l'intervento dell'avvocato Massimo Canale, al suo fianco l'avvocato Mario De Grazia e l'autore Fabio Buonofiglio, in basso uno scorcio sul pubblico presente


LEGGI ARTICOLO de "Il Lametino": Lamezia: 'Ndrangheta (ex) padrona, il libro di Buonofiglio presentato da Mario De Grazia e Massimo Canale