Doppio colpo dell’“anonima incendi” durante la scorsa notte a Corigliano Rossano. Sono infatti due, stavolta, le autovetture mandate in fiamme attraverso un rito liturgico che torna a celebrarsi a distanza di non molti giorni. Teatro degli ultimi due incendi, ovviamente dolosi, è stato il centro storico coriglianese. Le due vetture sono andate a fuoco quasi in contemporanea nelle due zone tra esse piuttosto vicine, Viale Rimembranze e Piazza del Popolo. Si tratta(va) d’una Peugeot 106 e d’una Hyundai

la prima appartenente ad un giovane bracciante agricolo residente nella popolosa frazione marina di Schiavonea, la seconda a una giovane donna residente nel centro storico stesso.

 

Allertati sul 115 per i due roghi che si stavano sviluppando, sui luoghi dei crimini sono giunti i vigili del fuoco del distaccamento cittadino, ai quali è toccata l’opera di spegnimento degl’incendi e la messa in sicurezza delle due aree interessate. Intervenuti pure i carabinieri della Compagnia coriglianese diretta dal capitano Cesare Calascibetta, i quali ora hanno due nuovi casi d’autovetture incendiate su cui indagare e che potrebbero essere tra essi in qualche modo collegati.

LEGGI ANCHE

Corigliano Rossano | Noto imprenditore “nel mirino”: gl’incendiano il fuoristrada

 

Corigliano Rossano | Due auto a fuoco nella notte: “obiettivo” quella d’un pregiudicato

 

Corigliano Rossano | A fuoco l’utilitaria d’un incensurato