Fermati dai carabinieri il 42enne pregiudicato rossanese Antonio Sapia e due giovani rumeni già in fuga verso la Sicilia 

 

Una rocambolesca rapina. Finita male nel giro di 48 ore per i presunti autori, due giovani di nazionalità rumena ed un rossanese. Teatro del fatto un’abitazione dello Scalo coriglianese di Corigliano Rossano. È accaduto nella serata di mercoledì scorso, ma la notizia è trapelata soltanto nelle ultime ore. Quando il terzetto sarebbe piombato all’interno dell’abitazione minacciando con una pistola le due persone che vi risiedono, fratello e sorella, quest’ultima dedita all’attività di prostituzione, costringendoli a racimolare tutto il denaro contante che avevano in casa per consegnarglielo. Minuti di panico quelli vissuti dalle vittime, che riuscivano a raccogliere circa 800 euro. Quindi la fuga dei tre uomini a bordo d’una Ford Focus station wagon con targa straniera.

La prontezza d’una delle vittime le permetteva di fotografare diverse volte i rapinatori durante la fuga e a riprendere pure l’autovettura. Allertati i carabinieri, è stato immediato l’intervento e le indagini dei militari della locale Stazione e della Sezione radiomobile della Compagnia coriglianese diretti dagli esperti marescialli Renato Perna e Serafino Madeo. Cominciava così la minuziosa attività investigativa per ricostruire l’accaduto e risalire ai responsabili. Grazie a diverse immagini acquisite si riusciva ad individuare i volti dei responsabili, e ricorrendo alle banche dati in uso alle forze di polizia s’ottenevano anche le generalità dei rapinatori. S’accertava che due dei presunti responsabili erano rumeni domiciliati presso la marina di Schiavonea di Corigliano Rossano, mentre il terzo uomo era un 42enne rossanese, Antonio Sapia, residente presso le case popolari di Via Gran Sasso allo Scalo.

 

I “segugi” dell’Arma risalivano pure ai telefoni cellulari dei rapinatori, il cui tracciamento, richiesto d’urgenza alla Procura di Castrovillari, permetteva d’appurare, in poco tempo, come i due rumeni della banda stessero fuggendo verso Reggio Calabria. Uno dei due per lungo tempo aveva abitato in provincia d’Agrigento: per questo motivo i carabinieri ritenevano che i due fuggitivi stessero per raggiungere la Sicilia. Si cercava così d’anticiparne le mosse ed avvisati i carabinieri di Villa San Giovanni, dopo averli costantemente informati sugli spostamenti dei fuggitivi, venivano approntati appositi posti di blocco all’imbarco dei traghetti per la Sicilia al fine di fermarli. Ma questi arrivati davanti al dispositivo messo in campo tentavano un’ultima disperata fuga, dapprima cercando di speronare i carabinieri, quindi scappando a piedi per le strade limitrofe. Alla fine si sono dovuti arrendere: si tratta d’un 27enne con diversi precedenti penali e d’un 22enne. Entrambi arrestati per resistenza a pubblico ufficiale, oltre al fatto che nei confronti del 27enne pendeva pure un ordine di cattura da parte della Procura d’Agrigento. Sulla scorta dei gravi indizi di colpevolezza raccolti e dell’evidente pericolo di fuga, i carabinieri procedevano a notificare ai due, già ristretti in carcere a Reggio Calabria per gli altri reati, i provvedimenti di fermo d’indiziato per concorso in rapina a mano armata.

 

E per chiudere il cerchio i militi della Benemerita coriglianese guidata dal capitano Cesare Calascibetta rintracciavano il 42enne rossanese Antonio Sapia - diversi precedenti penali pure lui - il quale s’era barricato in casa presso le palazzine popolari ove risiede. Pure nei suoi confronti scattava l’esecuzione del fermo d’indiziato di delitto: ora è in carcere a Castrovillari.