“Libertà è partecipazione”. Comincia a riecheggiare quel canto sempreverde di Giorgio Gaber nella campagna elettorale in corso che il prossimo 26 maggio, o al massimo nell’eventuale turno di ballottaggio del successivo 9 giugno, darà il primo Sindaco ed il primo Consiglio comunale alla nuova grande città di Corigliano Rossano, la terza della Calabria per numero d’abitanti. Quello appena trascorso è stato infatti un fine settimana di grande partecipazione da parte di tantissimi cittadini, che si sono ritrovati nelle tre piazze scelte da due dei tre candidati a sindaco, Flavio Stasi e Gino Promenzio, per i loro primi comizi.

Ad aprire è toccato sabato sera al capo della “Coalizione civica per Flavio Stasi sindaco”, che ha parlato in Piazza Giovanni Paolo II più nota come “Piazza Salotto”, la piazza più grande di Corigliano. Mezzo comizio tenuto sotto una leggera pioggia, che però non ha allontanato la folla che s’era accalcata nell’agorà politica dove il candidato ha parlato per circa un’ora. Un intervento appassionato e determinato quello di Stasi, non privo di polemica espressa in modo sì energico ma al contempo contenuta nei toni usati nei confronti dei suoi due avversari - Giuseppe Graziano e Gino Promenzio - che però non ha mai direttamente citati.

 

Tanti gli argomenti spinosi toccati, con svariati riferimenti a questioni e ferite aperte sui due versanti del vasto territorio cittadino. E due notizie. Stasi ha detto con forza che qualora diventasse sindaco di Corigliano Rossano non intende assolutamente trasferire altrove le attuali sedi degli uffici comunali attualmente ubicate nei due centri storici cittadini, e in particolare a Palazzo Garopoli di Corigliano e nell’ex municipio rossanese di Piazza Santi Anargiri. La seconda notizia riguarda l’organizzazione del personale dipendente degli stessi uffici comunali: Stasi ha detto che intende adottare un severo metodo di “rotazione” dei dipendenti nelle loro mansioni d’ufficio, in particolare dirigenti e funzionari del Comune, attraverso un’attenta valutazione delle loro performances. Concetti, questi ultimi, ribaditi ieri sera nell’altrettanto affollata Piazza Bernardino Le Fosse a Rossano.

 

Nella foto d’apertura (scatto di Antonio Donadio) Flavio Stasi in “Piazza Salotto”, qui sopra Gino Promenzio in Piazzetta Portofino

 

Il leader della coalizione “Civico e popolare” Gino Promenzio ha tenuto il suo primo comizio ieri sera in Piazzetta Portofino a Schiavonea, la popolosa frazione marina cittadina dove lo stesso candidato a sindaco della città è cresciuto sin da bambino dopo i suoi natali a Rossano. Davanti a una folla festante di sostenitori e cittadini accorsi ad ascoltarlo, Promenzio ha tenuto banco col suo lungo intervento dai toni pacati ed energici al contempo su alcune questioni gravi che considera prioritarie: il cattivo stato degli edifici scolastici cittadini di competenza comunale, la crisi dell’importante e vitale settore economico della pesca, un serio rilancio del turismo costiero e non solo di quello costiero cittadino. Promenzio ha detto che qualora diventasse sindaco di Corigliano Rossano queste tre questioni, insieme ad altre cui ha fatto pure riferimento, rientrano tra quelle che egli considera priorità nella propria programmazione d’azione amministrativa. Di rilievo pure l’invito politico rivolto da parte dello stesso candidato sindaco a Claudio Fiorentino del Movimento 5 Stelle, il quale, unitamente alla propria lista di candidati al Consiglio comunale, com’è noto è stato escluso dalla Commissione elettorale dalla partecipazione alle elezioni del prossimo 26 maggio per gravi inadempienze formali nella presentazione delle stesse candidature. Promenzio ha pubblicamente invitato Fiorentino ed il M5S a prendere ugualmente parte alla campagna elettorale in corso, mettendo loro a disposizione gli spazi pubblici ad egli stesso riservati. Un’evidente strizzata d’occhi politica.

 

Da qui ai prossimi giorni conosceremo pure le tappe in piazza del terzo candidato alla carica di sindaco, Giuseppe Graziano, a capo della coalizione “Il sindaco che unisce”, il quale nella serata di ieri ha riunito i suoi per fare il punto sulla campagna elettorale in corso che ha visto anch’egli impegnato in lungo e in largo sul territorio per incontri pubblici. Nel corso della riunione pare sia emersa la volontà da parte dello stesso aspirante primo cittadino di tenere il suo primo comizio sulla piazza del monumentale Quadrato Compagna di Schiavonea oppure nella stessa Piazzetta Portofino che ieri sera ha visto protagonista Promenzio.