11 perquisizioni locali e personali, identificate e controllate 130 persone, il titolare d’un noto locale ricreativo arrestato in flagranza per detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio. Sono i numeri dell’attività di polizia giudiziaria condotta dai poliziotti del Commissariato di Corigliano Rossano negli ultimi due giorni in lungo e in largo tra le due aree urbane cittadine.

L’uomo tratto in arresto è il 36enne Alfonso Ruffo, numerosi precedenti penali e di polizia giudiziaria alle spalle e gestore d’un noto circolo ricreativo a Rossano che è stato perquisito durante la giornata festiva di ieri.

 

A seguito dei controlli all’interno del locale, infatti, occultati all’interno d’un espositore di cartone per le patatine, sono stati rinvenuti alcuni involucri contenenti cocaina. I poliziotti hanno poi perquisito pure l’abitazione del 36enne, ubicata in un rione ad alta densità criminale del rossanese, dove in un barattolo di vernice nascosto in un controsoffitto hanno rinvenuto altra cocaina per un totale di circa 20 grammi. Su disposizione del sostituto di turno in Procura a Castrovillari l’arrestato è stato poi tradotto in carcere in attesa di giudizio.