Nella tarda serata di ieri i poliziotti del Commissariato di Corigliano Rossano, hanno tratto in arresto in flagranza per furto aggravato due persone di cui una con precedenti specifici. I movimenti sospetti nei pressi d’un capannone ubicato lungo la Strada statale 106, all’interno del quale operava l’azienda di commercio all’ingrosso che era stato oggetto d’un grosso incendio ed all’interno del quale è ancora custodita tanta merce tra cui svariati liquori ed altre bevande, il fatto che lo stesso capannone sia stato già fatto oggetto di numerosi altri furti, per come denunciato dal proprietario della stessa ditta, hanno consigliato i poliziotti ad intervenire.

Sorpresi ed ammanettati due soggetti: A.F., di 60 anni, e B.L., di 47 - non sono state rese note le generalità complete - i quali erano intenti a caricare su un Fiat Doblò e su una Fiat Panda diverse casse d’alcolici e superalcolici appena asportate, con l’intento verosimilmente di ricettarli. Merce sequestrata e riconsegnata al proprietario. La merce rubata, essendo stata esposta ad elevate fonti di calore, poteva nuocere alla salute d’eventuali ignari acquirenti, qualora immessa sul mercato.

 

Nella stessa serata gli stessi poliziotti hanno arrestato in flagranza di detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio R.S., di 25 anni, controllato nei pressi d’un locale rossanese e trovato in possesso d’alcune dosi di cocaina. Perquisita pure la sua abitazione, all’interno della quale, occultata in una spazzola per capelli, è stata rinvenuta altra cocaina suddivisa in sei dosi e pronta per essere spacciata.