Lascia la Presidenza del Consiglio comunale travolta dallo scandalo sollevato da AltrePagine 

Presidente non più, Consigliera però sì. Alla sua dodicesima stazione, dopo dodici giorni, Maddalena Avolio ha deposto la sua personalissima croce, lasciando la Presidenza del Consiglio comunale di Corigliano Calabro.

L’esponente del centrodestra cittadino (fino al 2011, pare, iscritta al Partito Democratico), è rimasta travolta dallo scandalo politico che la vede protagonista d’un clamoroso abuso penalmente rilevante “stanato” da AltrePagine e reso pubblico appena un minuto dopo la sua elezione a Presidente del Consiglio comunale, avvenuta, appunto, dodici giorni fa.

Si tratta dell’ormai famigerata lussuosa villa costruita su terreno agricolo senza alcuna concessione edilizia da parte del Comune.

Maddalena Avolio s’è dunque dimessa.

La lettera con la quale ha formalizzato il proprio atto è stata protocollata in Municipio qualche ora fa.

Maddalena Avolio, però, non ha alcuna intenzione di lasciare la propria carica di Consigliera comunale.

Ciò perché nella sua identica condizione si troverebbero altri consiglieri comunali, tanto di maggioranza quanto di minoranza e taluno persino firmatario della recente missiva indirizzata al Sindaco Giuseppe Geraci protesa a fare chiarezza sulla scandalosa vicenda istituzionale e politica...

Foto: l'ormai ex Presidente del Consiglio comunale al suo discorso d'insediamento, dodici giorni fa