Novità sul “caso Avolio”: il Sindaco di Corigliano Calabro Giuseppe Geraci pare abbia firmato l’ordinanza di demolizione della lussuosa villa costruita abusivamente e catastalmente intestata al figlio minorenne dalla Presidente del Consiglio comunale Maddalena Avolio, eletta a tale carica appena undici giorni fa.

Un atto dovuto l’ordinanza del Sindaco che sarebbe stata notificata alla diretta interessata nella tarda mattinata odierna. 

Contestuale, per la stessa, la denuncia penale presso la Procura della Repubblica di Rossano. 

La Presidente del Consiglio comunale coriglianese ha ora trenta giorni di tempo per ottemperare all’ordinanza sindacale.

Appare scontato tuttavia che la stessa vi si opporrà attraverso un ricorso dei propri legali, i quali potranno richiedere, e qualora vi siano i requisiti ottenere, una concessione edilizia codiddetta “in sanatoria”.

Questo però è un aspetto di carattere tecnico-giuridico.

Inaccettabilmente, invece, resta finora “lettera morta” lo scandaloso fatto istituzionale e politico.

Già, perchè il Comune di Corigliano Calabro è rappresentato, in uno dei suoi organi apicali quale la Presidenza del Consiglio comunale, dalla responsabile d’un reato penale consumato proprio ai danni del Comune.

Secondo le indiscrezioni più insistenti Maddalena Avolio sarebbe disposta a dimettersi dalla carica di Presidente ma non avrebbe alcuna intenzione di lasciare la carica di Consigliera comunale.

E ciò perché nella sua identica condizione si troverebbero altri consiglieri comunali, tanto di maggioranza quanto di minoranza e taluno persino firmatario della recente missiva indirizzata al Sindaco Geraci e protesa a fare chiarezza sulla scandalosa vicenda sollevata da AltrePagine appena un minuto dopo l’elezione della Presidente Avolio.

Lo scandalo, dunque, è istituzionale e politico. 

A quando il ripristino della legalità istituzionale e politica?

«Ripristinare la legalità e rispettare le regole in questa città per due anni commissariata per infiltrazioni di ‘ndrangheta»: parole profetiche pronunciate proprio dalla Presidente Avolio nel suo discorso d’insediamento, undici giorni fa…

Foto: in alto la lussuosa villa, sotto la Presidente del Consiglio comunale Maddalena Avolio