Rapinata di tutto quanto portava addosso. È accaduto nella serata di ieri nei pressi della stazione ferroviaria di Sibari.

Vittima una 22enne, dipendente proprio delle ferrovie. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Cassano Jonio, diretta dal capitano Michele Ornelli, la giovane si trovava a bordo della sua auto di servizio quando d’un tratto è spuntato il rapinatore, a volto scoperto.

Che, bloccata la vettura e minacciosamente “armato” d’un oggetto avvolto da un indumento per simulare il possesso d’una pistola (in realtà era una pompa da bicicletta modificata di colore nero), le ha intimato di dargli quanto in suo possesso per poi darsi alla fuga.

Ricevuta la tempestiva segnalazione, i militari dell’Arma si sono messi subito sulle tracce del rapinatore, poi rintracciato ed ancora in possesso di quanto aveva sottratto alla ragazza e della pompa brandita a mo’ di pistola.

Si tratta di G.C., 42enne di Taranto residente nel famigerato quartiere Tamburi. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Castrovillari con l’accusa di rapina aggravata. redazione@altrepagine.it