È stata arrestata verso le 8,30 di stamattina la donna che nel primo pomeriggio di martedì 23 novembre scorso aveva accoltellato una 21enne di nazionalità marocchina nella frazione Lauropoli di Cassano Jonio.

Motivo scatenante dell’aggressione a colpi di lama, una contesa di tipo sentimentale. Sul posto s’era reso necessario l’intervento dell’elisoccorso, che aveva trasferito la giovane vittima nell’ospedale dell’Annunziata a Cosenza, in condizioni comunque non gravi.

La giovane aveva riportato ferite al collo e al braccio compatibili con un’azione di difesa, ed aveva perso molto sangue, ma era stata lei stessa a indicare ai carabinieri l’autrice del suo ferimento, proprio in quelle ore fermata e interrogata in caserma.

Il Tribunale di Castrovillari

Le indagini sul violento fatto furono dunque immediate da parte degli uomini dell’Arma della Compagnia cassanese diretta dal capitano Michele Ornelli.

E stamane, nei confronti della feritrice, Rosaria Abbruzzese, 30 anni, d’origine rom ed appartenente agli zingari di Via Timpone rosso, nella popolosa frazione cassanese di Lauropoli, gli stessi carabinieri hanno eseguito l’ordinanza applicativa della misura cautelare in carcere, spiccata dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari su richiesta della Procura. Adesso è rinchiusa nel penitenziario di Castrovillari. redazione@altrepagine.it