Era finito in carcere nel pomeriggio di martedì, dopo che la polizia aveva fatto irruzione nella sua casa del centro storico coriglianese a seguito del via vai di tossici che avevano notato da diversi giorni prima del loro blitz antidroga: quasi mezzo chilo di marijuana

 

due bilancini di precisione e numerose bustine di plastica per confezionare lo stupefacente, il bilancio dell’operazione.

 

Pasquale Semeraro, 33 anni, elemento già noto negli ambienti investigativi locali, da ieri è stato assegnato agli arresti domiciliari.

L’ha deciso il giudice per le indagini preliminari di Castrovillari Biagio Politano su richiesta del difensore dell’indagato, l’avvocato Francesco Paolo Oranges del locale foro.

 

Nella giornata di ieri, infatti, il detenuto è comparso dinanzi al giudice per l’udienza di convalida dell’arresto e l’interrogatorio di garanzia preliminari al processo. 

Il pubblico ministero aveva richiesto al giudice la permanenza in carcere dell’arrestato.

redazione@altrepagine.it

Di admin