I carabinieri da giorni li tenevano d’occhio: un rumeno e un suo presunto complice italiano. Il primo già fermato con del materiale “sospetto” e per questo già denunciato a piede libero alla Procura di Castrovillari.

 

La vigilanza dei militi dell’Arma è stata alta, dal momento che tra i Comuni di Roseto Capo Spulico e di Amendolara nelle ultime settimane s’è registrato un repentino aumento di denunce per furti nelle abitazioni.

 

E il rumeno ieri sera è stato colto in flagranza proprio mentre stava rovistando in una casa di Roseto, al momento disabitata perché utilizzata dai proprietari solo in estate.

 

Per lui sono scattate immediatamente le manette ai polsi. Su disposizione del magistrato di turno in Procura, è stato assegnato agli arresti domiciliari. Denunciato a piede libero, invece, il presunto complice italiano.

redazione@altrepagine.it

 

Di admin