Trasgredisce al divieto d’avvicinamento alla sua ex compagna che l’aveva denunciato e già impostogli dal giudice, recandosi nei pressi della sua abitazione non per cercare la donna bensì per minacciare una sua amica.

 

“Responsabile”, a suo dire, d’averlo fotografato mentre danneggiava l’auto d’una terza donna con la quale aveva avuto una relazione. È accaduto sabato pomeriggio scorso. Protagonista un 25enne coriglianese, arrestato dai carabinieri ed assegnato ai domiciliari in esecuzione di un’ordinanza d’aggravamento della misura cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari, su richiesta della Procura, per i pretesi reati di rapina e violazione, appunto, del divieto d’avvicinamento alla parte offesa.

 

 

Il giovane ha raggiunto l’amica della sua ex, che era vicino all’abitazione di quest’ultima, e le ha intimato di cancellare le foto che lo ritraevano mentre danneggiava un’auto parcheggiata, di proprietà di un’altra sua ex. Al rifiuto della donna, l’ha aggredita e le ha sottratto lo smartphone, che ha distrutto scaraventandolo a terra.

 

Già in passato aveva violato la misura del divieto d’avvicinamento all’ex compagna, recandosi nell’abitazione della donna dove aveva danneggiato una porta.

redazione@altrepagine.it

 

Di admin