I cittadini della tranquilla contrada rurale di Piragineti, a Corigliano-Rossano, erano stanchi di vedere quel continuo via vai di giovani ad acquistare droga da quello spacciatore. E, fatte scattare alcune precise segnalazioni alla polizia, hanno praticamente consentito il blitz “a colpo sicuro” andato in scena stanotte.

 

L’operazione è stata portata a compimento con successo da parte degl’investigatori in forza alla squadra di polizia giudiziaria del Commissariato cittadino diretto da Cataldo Pignataro. Gli uomini guidati dall’ispettore Stefano Laurenzano hanno dapprima individuato e circoscritto l’area in cui si consumava la denunciata attività di spaccio.

 

I detective si sono piazzati in più punti, nascosti tra le piante d’un uliveto. E da lì hanno filmato alcune cessioni di droga. Altri poliziotti hanno bloccato e identificato alcuni clienti dello spacciatore, i quali, perquisiti, avevano addosso involucri di cellophane contenenti cocaina. Uno di questi s’era appartato nel piazzale della chiesa di San Pio X a consumare la “coca” appena acquistata.

 

 

E poco dopo sono scattate le manette ai polsi dello spacciatore: Maurizio Otranto, 40 anni, del luogo, volto già assai noto negli ambienti investigativi e giudiziari. Addosso aveva ancora ben sei bustine di “coca”, oltre al denaro contante provento dello spaccio. Adesso si trova in carcere a Castrovillari. I suoi clienti sono stati segnalati alla Prefettura di Cosenza.

redazione@altrepagine.it

Di admin