Minaccia brutalmente l’ex moglie, intervengono i carabinieri e gli trovano un piccolo ma pericoloso “arsenale” d’armi. Protagonista del fatto un 48enne coriglianese, già noto negli ambienti investigativi e giudiziari.

 

L’altro ieri mattina era pervenuta alla centrale operativa della Compagnia coriglianese dell’Arma l’allarmante telefonata della moglie. Che riferiva, terrorizzata, che davanti alla porta di casa, nella frazione di Schiavonea, v’era l’ex marito intento a minacciare lei ed i suoi congiunti e a sferrare pugni contro il portone. I militi l’hanno sorpreso e perquisito.

 

 

Poco dopo sono andati a perquisirgli la casa. E dall’abitazione dell’uomo sono spuntati tre machete, uno dei quali con una lama di quasi 70 centimetri di lunghezza, tre pugnali e uno stiletto. Tutte armi clandestinamente possedute, poichè mai denunciate alle autorità di pubblica sicurezza. E sequestrate.

 

Per il 48enne è scattata la denuncia a piede libero alla Procura di Castrovillari per detenzione abusiva d’armi. L’ex moglie, invece, in quarantena obbligatoria perchè affetta dal Covid-19, presenterà denuncia per gli atti persecutori cui sarebbe sottoposta da mesi da parte dell’uomo.

redazione@altrepagine.it

Di admin