Il cadavere d’un uomo è stato rinvenuto nella tarda serata di ieri dai carabinieri nei pressi della discarica dei rifiuti di contrada La Silva, a Cassano Jonio. I militari della Tenenza cittadina hanno appurato che il corpo senza vita in cui loro stessi si sono imbattuti è quello di

 

Damiano Vincenzi, 47 anni, un uomo del luogo, il quale viveva con la madre ed era solito circolare a piedi. Dopo la macabra scoperta, i detective, di concerto col magistrato di turno in Procura a Castrovillari Luigi Spina, hanno allertato un medico legale.

 

E dalla prima ispezione cadaverica è emerso che Vincenzi sarebbe morto altrove e che soltanto dopo il suo decesso il corpo sarebbe stato rimosso, caricato su qualche mezzo e abbandonato nella zona della discarica, piuttosto lontana dal centro abitato che collega le popolose frazioni di Lauropoli e Sibari passando per le altre contrade rurali.

 

 

Sulla causa della morte, comunque, l’ipotesi più accreditata al momento è quella naturale, dal momento che il corpo esanime dello sfortunato signore non presenta alcun segno di violenza. La domanda adesso è: Vincenzi era da solo oppure no? Ed è giallo. Le indagini sono tuttora in corso. Il magistrato ha già disposto l’autopsia per la giornata di lunedì nell’obitorio dell’ospedale “Pasquale Ferrari” di Castrovillari dove il cadavere è stato trasportato.

redazione@altrepagine.it

Di admin