di Fabio Buonofiglio

Tempi tristi e grami quelli di pandemia, tempi ai quali ognuno ha fatto oramai abitudine, da svariati mesi, tutti accompagnati da quella monotona “colonna sonora” che da ogni tipo di media bombarda a manetta, minuto per minuto, terrorizzando tutti e ciascuno. E allora, in un casalingo sabato sera pre-natalizio, a Corigliano-Rossano cosa c’è di meglio per un organo d’informazione che informare sulle cose belle che di questi tempi pure accadono?

 

Un po’ di gossip, per esempio, non guasta affatto in serate come queste, con le luminarie colorate fuori, ma col grigiore dentro. Soprattutto se la gossipata del caso riguarda il primo cittadino della terza città più grande della Calabria, l’ingegnere rossanese Flavio Stasi. Il quale, com’è oramai noto, ha un brillantissimo collega ingegnere, nonché caro amico e per svariati anni suo coinquilino nello stesso alloggio universitario all’Unical, l’ingegnere anch’egli rossanese Giuseppe Stumpo. 

 

Quest’ultimo sta partecipando e con ottimo profitto – il migliore registrato – a un pubblico concorso indetto proprio dal Comune di Corigliano-Rossano e finalizzato alla copertura dell’ambìto unico posto di digital manager, istruttore direttivo informatico, Categoria D, a tempo pieno e indeterminato, per uscire dal british e dirla con quel freddo burocratese che descrive un bel e ben pagato posto fisso. Quello che a furor di popolo è considerata la “sistemazione della vita” per le persone “normali” e che consente alle stesse di mettere su una famiglia. L’ingegnere Stumpo dal canto suo ci sta provando, contro i suoi 6 concorrenti i quali, come lui, superata la prova scritta, il 18 dicembre sosterranno la finale prova orale.

 

L’ingegnere Stumpo e il sindaco Stasi spensierati e sorridenti sotto uno dei monumenti cittadini

 

Per quanto riguarda la famiglia, però, il brillante neo laureato con 110 e lode, i tempi li ha anticipati. Giuseppe, già promesso sposo della bella rossanese Martina Pacenza, con lei ha infatti deciso d’unirsi in matrimonio lo scorso mese di settembre «nella splendida cornice» (come per consuetudine scrivono i giornalisti seri) dell’antica abbazia basiliana rossanese di Santa Maria del Patire, uno dei posti – fra i tanti – più incantevoli della città, che proprio in queste grigie settimane è candidato a diventare uno dei “Luoghi del cuore” del Fondo per l’ambiente italiano.

 

Eccellente il testimone degli sposi e dell’intero lietissimo evento: in una mise per lui insolita, accanto a Martina e Giuseppe v’era infatti un elegantissimo Flavio Stasi protetto da una patriottica mascherina esterno seta e tricolore, bianca, rossa e verde. Evviva gli sposi, evviva il compare, evviva l’Italia!

direttore@altrepagine.it

 

LEGGI ANCHE

Corigliano-Rossano | Comune, concorso per “Informatico”: ma quanto è bravo l’ex coinquilino del sindaco! 

 

 

 

Di admin