Da almeno un paio di mesi andavano e tornavano da Cassano per spacciare nel parcheggio del centro commerciale

 

 

Secondo gl’investigatori erano almeno due mesi che facevano quotidianamente la spola tra Corigliano-Rossano e Cassano Jonio, tornando a Corigliano-Rossano con addosso almeno mezzo etto d’eroina al giorno. Una coppia d’insospettabili corrieri di droga e di morte, insomma. Nel tardo pomeriggio di ieri, però, i poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano gli hanno stretto le manette ai polsi in flagranza di reato. L’accusa per entrambi è di  detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio.

 

L’operazione antidroga è stata diretta e compiuta dagli agenti in forza alla squadra di polizia giudiziaria diretta dall’ispettore capo Stefano Laurenzano. Si tratta di G.S. e della moglie R.E.A., entrambi coriglianesi, 25enni ed incensurati. La giovane coppia è stata fermata per essere perquisita nel parcheggio del centro commerciale, dopo che i poliziotti avevano notato transitare sulla Strada statale 106 jonica diversi soggetti loro noti come assuntori di stupefacenti, tutti a bordo delle loro autovetture. Una vera e propria “scia” di auto che faceva ingresso nel parcheggio per uscirne poco dopo avere acquistato la “roba”.

 

 

E non è sfuggita ai poliziotti la scena mentre la coppia di pusher, dall’interno dell’autovettura, distribuivano degl’involucri agli avventori. Immediatamente bloccata l’auto con a bordo i coniugi, i detective hanno effettuato la perquisizione rinvenendo e sequestrando due involucri di cellophane contenenti complessivamente 40 grammi d’eroina. Estesa la perquisizione anche alla residenza della coppietta, ne sono spuntati altri 13 grammi, quasi 3500 euro di denaro contante ritenuto dagl’inquirenti provento dell’attività di spaccio, e materiale utile al confezionamento della droga. Su disposizione del magistrato di turno in Procura a Castrovillari il marito è stato tradotto in carcere mentre la moglie è stata assegnata agli arresti domiciliari. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate a risalire alla fonte d’approvvigionamento dell’eroina.

redazione@altrepagine.it

 

Di admin