È stato arrestato all’alba di stamane dai carabinieri della Compagnia di Castrovillari l’uomo ritenuto responsabile di due atti intimidatori perpetrati contro il ristorante-pizzeria “L’antico torchio” nella città del Pollino.

 

Si tratta d’un imprenditore 40enne incensurato, S.D., residente nel piccolo Comune di Frascineto. E sarebbe pure responsabile di un’aggressione con spray urticante avvenuta sempre a Castrovillari, ai danni d’un panettiere di Morano. L’uomo, che colleziona armi, è stato individuato dai militari dell’Arma che erano sulle sue tracce sin dalla notte in cui s’è verificato l’attentato al ristorante, tra il primo e il 2 giugno scorsi. L’arresto è stato effettuato a poche ore dal secondo atto intimidatorio contro “L’antico torchio”, avvenuto proprio stanotte.

 

 

Nel corso della perquisizione domiciliare i carabinieri hanno trovato circa 100 armi da fuoco, di diverso calibro e modello, che l’uomo deteneva pare regolarmente.

 

 

Con l’arresto del presunto autore perde consistenza l’ipotesi che alla base dei due atti intimidatori ci fosse la criminalità organizzata, anche se al momento non è stato spiegato il movente che sarebbe alla base dei due episodi. Da appurare, inoltre, pure le ragioni per le quali l’uomo avrebbe aggredito il panettiere di Morano Calabro che stava consegnando il pane ad un supermercato di Castrovillari.

redazione@altrepagine.it

 

LEGGI ANCHE

Castrovillari | Cinque colpi di fucile contro un ristorante 

 

 

Di admin