Nel giorno della Pasquetta “blindata” in casa, almeno per la stragrande maggioranza dei cittadini italiani, la Marina di Schiavonea, a Corigliano-Rossano, fa registrare una tragedia del mare. Un giovane di nazionalità straniera è infatti morto annegato questo pomeriggio nello specchio acqueo del mare antistante la spiaggia di contrada Fabrizio.

 

 

Secondo una prima ricostruzione del tragico fatto, il ragazzo, un 30enne africano di nazionalità senegalese, aveva pranzato e poi aveva pensato di fare un bagno con alcuni suoi amici, pure loro africani, considerata l’alta temperatura registratasi durante la giornata. Ricevuta la richiesta d’aiuto da parte degli amici dello sfortunato, sul posto sono immediatamente interventi i soccorsi del 118, anche con l’eliambulanza, richiamati dai militari della Guardia costiera della locale Capitaneria di porto, ma per il giovane annegato in mare non c’è stato proprio nulla da fare che chiamare il medico legale per certificarne l’avvenuto decesso. Sulla spiaggia sono intervenuti pure i poliziotti del Commissariato cittadino, quelli della Municipale e i carabinieri.

 

 

Da quel che è emerso, lo straniero non sapeva nuotare. Sono in corso adesso le indagini per stabilire l’esatta dinamica della tragedia.

redazione@altrepagine.it 

 

 

 

 

Di admin