«Ciò che si decide, bisogna farlo presto. Non possiamo muoverci al rallentatore, ogni ritardo vuole dire anche favorire le mafie». Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, intervistato da Giovanni Floris a diMartedì, su La7, ha sollecitato la rapidità degl’interventi a sostegno di chi opera nel commercio e che è messo in ginocchio dall’emergenza Coronavirus.

 

«Mafia e ‘ndrangheta fanno usura per rilevare le attività commerciali e per poter così poi fare riciclaggio», ha detto Gratteri: «si deve far presto soprattutto, altrimenti si rivolgeranno agli usurai per gli aiuti ad alcune categorie, penso a ristoratori ed albergatori, i più penalizzati in questo momento: devono avere i soldi subito altrimenti si rivolgeranno agli usurai e perderanno quelle attività e noi perderemo consensi e pezzi di territorio.

 

Le mafie stanno soffrendo come stiamo soffrendo noi, i reati in questo mese si sono ridotti del 70% e le mafie però cercheranno d’approfittare dell’emergenza come fanno sempre dove ci sono disgrazie». redazione@altrepagine.it

 

 

 

 

 

 

Di admin