Il posto del neo consigliere regionale della città andrà a Raffaele Vulcano

 

 

Chi da giorni piagnucola, politicamente quanto giornalisticamente, perché la nuova grande città di Corigliano-Rossano e la Sibaritide dopo il voto dello scorso 26 gennaio sarebbero rimaste a bocca asciutta quanto a proprie rappresentanze nelle istituzioni regionali, chissà cosa vorrebbe e soprattutto chissà chi ha votato…

Già, perché la partita elettorale a ben vedere è andata assai bene, tanto per rappresentanza quanto per la sua logica politica, quanto, ancora, per quanto potrà arrivare in termini di risultato quando sarà finalmente varata la giunta della neo governatrice calabrese del Centrodestra Jole Santelli. Nel cui esecutivo sarà quasi certamente presente (del “quasi” potremmo pure fare a meno) il consigliere regionale di Forza Italia Gianluca Gallo (foto a sinistra), reduce da un successo elettorale straripante d’oltre 12 mila preferenze tributategli dai cittadini dell’intera Circoscrizione provinciale Nord Calabria. E un dodicesimo delle preferenze di Gallo, due volte sindaco di Cassano Jonio e due legislature da consigliere regionale senza mai una qualsivoglia “chiacchiera” sul suo conto, vengono proprio dalla nuova grande città di Corigliano-Rossano dove ne ha raccolte 861.

Per lui – il più votato in assoluto dell’intero Centrodestra calabrese – si profila l’incarico verso un assessorato importante nella composizione della nuova giunta regionale. Più congeniale la “vicinanza” d’un assessore o quella d’un consigliere regionale di maggioranza senz’incarico di governo? Se poi pensiamo che la città di Corigliano-Rossano il consigliere di maggioranza ce l’ha pure, allora è davvero difficile, comprenderle, le lagne di certi osservatori…

Sì, perché c’è Gianluca Gallo ma c’è pure Giuseppe Graziano dell’Unione di centro (foto a destra), lui residente proprio a Corigliano-Rossano ed attuale consigliere comunale, poiché candidato a sindaco nelle prime elezioni comunali della stessa grande città capofila del ben più vasto comprensorio della Sibaritide, sconfitto al ballottaggio, lo scorso mese di giugno, dal primo cittadino Flavio Stasi.

 

Graziano durante un suo intervento in Consiglio comunale

 

Una delle prime telefonate d’auguri ricevute dall’ex ed oggi neo consigliere regionale Graziano è stata quella del sindaco Stasi. Graziano ricambierà la cortesia istituzionale con una già annunciata ed imminente visita nel suo ufficio, in Municipio. E in quella sede certamente spiegherà al sindaco ancor meglio i motivi politici ed istituzionali che lo spingeranno, da qui ai prossimi giorni, a rassegnare le proprie dimissioni da consigliere comunale (benché le due cariche che egli assomma non siano tra esse incompatibili) come ha già anticipato ad AltrePagine«Dal Consiglio regionale della Calabria e nelle sedi istituzionali della Regione voglio potermi dedicare anima e corpo alla mia città, la città che assieme a tanti che hanno sostenuto la legge regionale al tempo da me presentata in Consiglio per farla nascere, oggi vogliono farla crescere. Per questo sarà fondamentale, determinante, il lavoro di tutti i suoi attori istituzionali, ed è per questo motivo che ho deciso di dimettermi dalla carica di consigliere comunale, vale a dire per potermi meglio dedicare ad una delle missioni che mi sono prefisso ricandidandomi al Consiglio regionale».

 

Raffaele Vulcano

 

Il posto di Graziano nell’assise civica coriglianrossanese lo prenderà Raffaele Vulcano, ex consigliere ed ex assessore dell’ex Comune di Rossano, il quale lo scorso mese di maggio era candidato in una delle liste a sostegno della candidatura a sindaco del neo consigliere regionale. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di admin