Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta d’un cittadino: «Egregio commissario Domenico Bagnato, i residenti di contrada Torricella Inferiore manifestano tutte le loro insofferenze. Le vogliamo portare all’attenzione i gravi disagi che vi sono nella nostra zona.

Da oltre 50 anni viviamo qui che non vi erano strade né servizi. I nostri sacrifici sono stati sempre al limite della sopportazione. Abbiamo sempre sperato che un giorno anche noi potessimo usufruire di quei servizi indispensabili che contraddistinguono una società civile. Sto cercando di incontrarla, sto facendo diversi viaggi in Municipio per poterle parlare ed esporre le nostre difficoltà, ma mi dicono che è sempre impegnato. Viviamo in una situazione di grande precarietà, con acqua “potabile” sporchissima, non abbiamo asfalto sulle strade, i fossi di scolo sono occlusi da erbacce e pieni di ogni genere di rifiuti.

 

Ci tenevo ad informarla che noi a Torricella non abbiamo la rete fognaria, ognuno ha un pozzo nero privato ed ogni mese è costretto a chiamare l’autospurgo e si spendono circa 180 euro. Secondo noi residenti, per risolvere il problema della fognatura, facendo dei calcoli basterebbero soltanto 100 metri di scavo. Volevo poi informarla che, nonostante le multe e l’impegno costante e professionale della ditta che gestisce ormai da anni il servizio rifiuti, ci sono tanti “cittadini” che non si curano dei danni che provocano all’ambiente e al decoro della città stessa: sono i lanciatori di sacchi di rifiuti di ogni genere, e da qualche tempo hanno preso di mira la zona del porto limitrofa alla nostra contrada. Egregio commissario, urgentemente: incrementiamo i cassonetti al porto e come cittadino chiedo alle autorità competenti che vengano effettuati maggiori controlli»Natalino Altomari (foto in alto)

 

 

Il commissario straordinario del Comune di Corigliano Rossano, Domenico Bagnato 

 

 

 

Di admin