Un giro di trattori ed altri mezzi agricoli rubati tra Corigliano Rossano e la Basilicata. Le indagini, coordinate dalla Procura di Castrovillari, vanno avanti da mesi. E nei mesi hanno portato al sequestro di diversi mezzi, trafugati perlopiù nelle campagne del coriglianese.

Indagini sviluppate a seguito del rinvenimento d’un trattore agricolo di marca Lamborghini oggetto d’un furto avvenuto a Corigliano nel maggio del 2017 nei pressi d’un appezzamento di terreno agricolo in uso ad un 39enne del luogo. Invece a Viggianello, in provincia di Potenza, l’inchiesta ha consentito di documentare l’esistenza d’un collaudato sistema illecito finalizzato all’utilizzo e alla vendita dei mezzi agricoli. Nel corso dell’indagine sono stati recuperati, nelle province di Cosenza e Potenza, e restituiti ai legittimi proprietari, ben cinque trattori agricoli, per un valore indicativo di circa 100 mila euro. Le investigazioni hanno pertanto consentito di disarticolare un consolidato metodo criminale dedito alla commissione di furti ed alla ricettazione di mezzi agricoli nell’area posta a cerniera tra le province di Cosenza e Potenza.

L’operazione di oggi ha portato all’esecuzione di un’ordinanza applicativa di misure cautelari in carcere nei confronti di due persone. Si tratta proprio del 39enne coriglianese e d’un 31enne residente a Laino Castello, sul Pollino, entrambi già detenuti per altro. A notificare le misure in carcere è toccato agli stessi carabinieri di Viggianello, che al termine d’una elaborata attività investigativa delegata dalla Procura castrovillarese hanno ritrovato i trattori e gli altri mezzi. I due sono accusati di ricettazione. L’inchiesta sul traffico di mezzi agricoli rubati è condotta dal sostituto procuratore Antonino Iannotta.

 

Di admin