È stato colto in flagranza di reato ed arrestato con l’accusa di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio. Ciò a seguito d’una perquisizione domiciliare “mirata” da parte dei poliziotti del Commissariato di Corigliano Rossano, i quali hanno rinvenuto un bilancino di precisione ed un quantitativo di marijuana già suddivisa in dosi e pronta per lo spaccio.

In un’area adiacente l’abitazione è stata rinvenuta pure una piantagione di canapa indiana con tanto di impianto d’irrigazione. Si tratta di B.M,, 25 anni, coriglianese. Il sostituto procuratore di turno presso il Tribunale di Castrovillari ne ha disposto la scarcerazione in attesa del giudizio.

La polizia ha effettuato un altro arresto nella frazione marina di Schiavonea. Si tratta d’un 28enne del luogo, evaso dal regime d’arresti domiciliari cui si trovava sottoposto su disposizione dell’autorità giudiziaria. I poliziotti, incuriositi da un’auto sospetta alla cui guida v’era un noto pregiudicato, hanno affiancato il mezzo imponendo l’alt. Il conducente s’è fermato mentre il giovane evaso dai domiciliari scendeva dall’auto cercando una via fuga. Raggiunto, è stato fermato e tratto in arresto. Il magistrato di turno, considerati i suoi gravi precedenti, ne ha disposto il trasferimento presso la casa circondariale di Castrovillari.

 

Di admin