Porte aperte alla Renault recitava un celebre spot pubblicitario della casa automobilistica francese negli anni Ottanta. Che oggi potremmo mutuare così: Porta aperta al Comune di Corigliano Rossano. Già. Perché stamane, al rientro del personale amministrativo dopo il fine settimana, non v’è stato alcun bisogno

di riaprire il portone della sede centrale del municipio, ubicata nel Palazzo Garopoli di Corigliano (foto), dal momento che esso era già bell’e aperto. Un episodio inquietante. Che fa il paio con quello occorso un paio di settimane fa – manco a dirlo – col portone ritrovato aperto al rientro dopo il fine settimana. Nessun segno d’effrazione, a quanto pare, e nessun genere di furto, questo almeno all’apparenza. Nessun rovistamento di carte e documenti, nulla di nulla. Fatto sta che chi di competenza ha sollecitato l’intervento dei carabinieri della Stazione del centro storico coriglianese al fine di far constatare, denunciare e verbalizzare l’accaduto. Un’intrusione negli uffici del municipio di qualche Mister X attrezzato di chiavi universali ed alla ricerca di qualcosa? Difficile poter azzardare questa od altre ipotesi. Non è la prima volta che Palazzo Garopoli viene preso di mira, ma le intrusioni precedenti hanno sempre fatto rinvenire tracce di passaggio attraverso la consumazione di furti di modesto rilievo. I due ultimi episodi gettano – invece – ombre piuttosto inquietanti.                   

 

 

Di admin