Nel corso della partecipata cerimonia per il passaggio delle consegne alla neo presidente della sezione di Corigliano Calabro della Fidapa (Federazione italiana donne, arti, professioni, affari) Maddalena Avolio (foto), tenutasi durante la serata di ieri nel Salone degli specchi del Castello ducale, è stata declamata l’onorevole motivazione per la quale il brigadiere capo dei carabinieri Salvatore Senatore, in servizio presso la locale Compagnia dell’Arma, è stato insignito d’un meritato premio da parte dell’associazione femminile. E non poteva che accadere, così com’è accaduto, al culmine della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Già, perché lo scorso 17 settembre il sottufficiale della Benemerita, nel corso del proprio servizio istituzionale, rimaneva ferito per salvare dalla furia potenzialmente uxoricida del proprio consorte una donna

http://www.altrepagine.it/index.php/notizie/394-corigliano-carabiniere-ferito-per-salvare-una-donna

Il militare non ha potuto presenziare alla cerimonia di ieri sera ed il premio è stato ritirato dalla stessa neo presidente della Fidapa Avolio, la quale, dopo aver letto la motivazione ed esibito la relativa targa, si rammaricava dell’assenza del brigadiere Senatore.

L’eroico carabiniere è in forza al locale Nucleo operativo e radiomobile, è d’origini tarantine ma oramai cittadino d’adozione del vicino Comune costiero di Roseto Capo Spulico. Ha prestato servizio per quasi vent’anni nei reparti speciali dell’Arma, con funzioni operative e di comando. Il sottufficiale ha già mostrato il proprio valore, salvando altre vite umane.

Oltre all’episodio dello scorso settembre, era stato infatti pure protagonista dell’arresto di cinque immigrati extracomunitari nel corso d’una maxirissa, avvenuto nel dicembre del 2016 nella Piazzetta Portofino di Schiavonea di Corigliano Calabro, e nell’occasione aveva disarmato gli stessi stranieri, tutti ubriachi, e li aveva immobilizzati avvalendosi delle proprie tecniche d’arti marziali. Lo scorso mese di gennaio, invece, aveva salvato la vita a due pensionati coriglianesi dalla furia potenzialmente omicida del loro figlio, risultato positivo ai test alcolemici ed a quelli delle sostanze stupefacenti. Il brigadiere Senatore, inoltre, merita un popolare plauso per il rocambolesco arresto d’un ricercato internazionale di nazionalità rumena, avvenuto nel corso dell’anno 2016: il ricercato era reo d’avere rapinato due anziani a Schiavonea di Corigliano Calabro, e, nell’occasione, il milite aveva sventato il tentativo di suicidio del rumeno prima d’arrestarlo. Già, mettendo a repentaglio la propria vita rischiando di precipitare dal tetto d’una palazzina di cinque piani: le fasi dell’eroico gesto furono filmate coi telefonini, pubblicate e condivise su Facebook da parte dei passanti allibiti per quanto stava accadendo.

 

 

Di admin