Gravissimo atto intimidatorio ai danni del titolare d’una azienda operante nel settore dell’autotrasporto per conto terzi di Corigliano Calabro. Il drammatico fatto è accaduto nelle primissime ore di questa mattina. Quando ignoti si sono presentati nel piazzale-deposito della ditta, in contrada Chiubbica, ed hanno cosparso di liquido infiammabile tutti i camion appiccandovi il fuoco.

Tre dei mezzi di proprietà della ditta sono andati completamente distrutti, gli altri si sono salvati grazie all’intervento dei Vigili del fuoco del distaccamento di Rossano richiamati da alcuni testimoni del maxincendio che era divampato a seguito dell’atto criminale e giunti in breve tempo sul posto. Il danno economico per l’imprenditore vittima del fatto è altissimo, pari ad almeno 800 mila euro, non coperti da assicurazione.

Sul luogo del gravissimo danneggiamento sono intervenuti pure i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia cittadina, i quali, unitamente ai pompieri, hanno effettuato i primi rilievi del caso ed avviato le relative indagini. Sarebbe stato già sentito a sommarie informazioni testimoniali il titolare della ditta, Luciano Enzo Sprovieri, 44enne del luogo, il quale viene descritto da quanti lo conoscono come un instancabile lavoratore, persona estremamente tranquilla ed assolutamente lontana da contesti sociali di natura sospetta. Sul contenuto delle sue dichiarazioni agl’investigatori dell’Arma nulla trapela.

E le indagini proseguono nel più assoluto riserbo da parte degli stessi carabinieri impegnati a scandagliare l’ennesimo gravissimo fatto criminale accaduto a Corigliano. Che potrebbe essere connesso a qualsiasi tipo d’ipotizzabile matrice, dalla vendetta personale ad un eventuale rifiuto da parte dell’imprenditore di fronte ad una possibile richiesta di tipo estorsivo. 

 

Di admin