La pecoreccia propaganda per un ambiente cittadino salubre, sano e pulito da parte dell’assessora comunale all’Ambiente di Corigliano Calabro, Marisa Chiurco, non trova alcun riscontro oggettivo nella realtà dei fatti. Un esempio per mille altri è rappresentato dagli emblematici due scatti fotografici che vi proponiamo.

Sono foto scattate nella mattinata domenicale di ieri da parte d’un nostro affezionato lettore. Ci troviamo sulla frequentatissima spiaggia della popolosa frazione marina di Schiavonea, in uno dei suoi punti più centrali, all’altezza del palmeto che insiste sul lungomare. E s’evince chiaramente che i liquami di fogna provenienti dalle pompe di sollevamento comunali vengono riversati direttamente in mare e non già nelle condotte sottomarine.

«Peccato che dalle foto non si sente il puzzo – ci scrive il nostro lettore – ma passeggiare sul bagnasciuga in quella zona è stata veramente cosa assai sgradevole».

Una fogna corrente a cielo aperto sul mare, dunque, che in pratica ha “insaponato” per l’intera estate che oramai volge al termine i bagnanti degli stabilimenti balneari che insistono su quel tratto di spiaggia, senza alcun tipo di depurazione. Con buona pace del Comune, in primis della combattiva assessora anti-trivelle a mare sempre in prima linea nella propria pecoreccia propaganda senza alcun riscontro.         

Di admin