Siamo così benedettamente distanti dal Partito democratico, dalle sue cose e dai suoi affari, da ignorare – e ce ne potesse fregare di meno – chi prenderebbe il posto di Giovanni Spezzano e di Carmen Emiliana Fusaro nel Consiglio comunale di Corigliano Calabro nel caso di loro (improbabili) dimissioni.

Nella giornata domenicale appena trascorsa, infatti, il Pd ha diffuso agli organi di stampa una nota piuttosto piccata: «Leggiamo con stupore una nota stampa diffusa dal Comune di Corigliano nella quale s’afferma che, in merito alla gestione dei minori non accompagnati ospiti del Palazzetto dello sport, l’opposizione avrebbe lodato l’operato del sindaco, dell’assessore Chiurco e, perfino, l’associazione di volontariato “Marinella Bruno onlus”. Almeno per quanto riguarda il Partito democratico, prendiamo le distanze da queste ridicole uscite propagandistiche e confermiamo pari pari il nostro giudizio di gestione vergognosa, immorale e per nulla chiara di questa emergenza umanitaria».

Già. Vediamo cos’aveva scritto ed inviato alla stampa, venerdì, l’amministrazione comunale retta dal sindaco Giuseppe Geraci: «Emergenza sbarchi, anche l’opposizione si complimenta con l’esecutivo Geraci, prendendo le distanze da quanti, in questi giorni, hanno strumentalizzato la questione; l’opposizione ha elogiato l’impegno dell’assessore Marisa Chiurco e del sindaco Giuseppe Geraci ed il lavoro d’assistenza portato avanti dall’associazione di volontariato “Marinella Bruno onlus”, con senso d’abnegazione e di sacrificio».

Bene, anzi male, malissimo per il Pd, costretto a censurare (e non è affatto la prima volta!) i due consiglieri che ne portano l’etichetta, pur non citandoli, e a ritrovarsi, di fatto, senz’alcuna propria rappresentanza consiliare.

Noi non eravamo presenti alla seduta consiliare tenutasi giovedì scorso, la cui registrazione non è stata ancora pubblicata sul sito istituzionale del Comune, per cui non possiamo dire con certezza quali siano state le posizioni espresse da parte di Spezzano e di Fusaro. Certo è che l’attività pregressa dei due consiglieri con in tasca la tessera del Pd in questi anni non li ha fatti distinguere quali esponenti d’opposizione, anzi.

Figli di…Geraci, insomma, oggi finalmente riconosciuti dal loro padre naturale. E al prossimo giro elettorale magari li ritroveremo in lista con papà. Per Spezzano non sarebbe una novità, considerato che in passato fu eletto proprio con Geraci, mentre per Fusaro, ancora giovanissima, potrebbe rappresentare un’esperienza più interessante. 

Di admin