Procura, sbirri, servizi segreti deviati, spie free-lance interessate esterne o interne o altro ancora. Fatto sta che gli “alti papaveri” di Palazzo Garopoli, la sede municipale di Corigliano Calabro, da qualche tempo temerebbero l’occulta ed occultata presenza, proprio all’interno dei loro uffici, di microscopici quanto invisibili oggetti indiscreti. Sofisticate microspie elettroniche, “cimici” di controllo per farla breve.

Le indiscrezioni che giungono puntuali alle attente orecchie del cronista direttamente dai lunghi corridoi dell’ex convento dei Liguorini, rivelano scenari inquietanti. Almeno due fatti la dicono assai lunga: due registrazioni audio fuoriuscite dagli uffici comunali nei mesi scorsi sono state fatte pervenire proprio a noialtri, che puntualmente le abbiamo rese pubbliche, com’era nostro dovere di fare, dovere di cronisti. Entrambe “ritraevano” la voce del segretario generale del Comune, Salvatore Bellucci, in “pose” per nulla edificanti per l’importante ruolo di primissimo piano rivestito nell’ente pubblico. Seguirono le solite quanto inconcludenti polemiche politiche e la solita ridda d’ipotesi tinte di giallo e d’altre tinte. Fosche. E, naturalmente, una cascata d’indiscrezioni. Secondo le quali potrebbe addirittura escludersi che Bellucci sia stato registrato da qualche proprio nemico invisibile attraverso il registratore vocale d’un normale smartphone, e potrebbero dunque accreditarsi ben altre ipotesi.

Secondo taluni proprio in ciò risiederebbe la ragione per la quale, per esempio, la giunta comunale retta dal sindaco Giuseppe Geraci da qualche mese terrebbe le proprie sedute fuori da Palazzo Garopoli, in altra sede comunale, e, per l’esattezza, presso il palazzetto degli uffici ubicato all’interno dell’autoparco di contrada Bonifacio. Negli ambienti comunali si sussurra addirittura di frequenti “bonifiche ambientali” negli uffici più sensibili, condotte con passo felpato e sibillina discrezione.

Fosse proprio così, perché tanta certosina accortezza, ma, soprattutto, che succede d’indicibile all’interno del “palazzo”?   

 

Di admin