Un lungo pomeriggio di riscontri investigativi nella giornata odierna ha tenuto impegnati i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Corigliano Calabro, che indagano sul presunto eclatante caso di violenza sessuale che si sarebbe consumato stamane all’interno d’un appartamento d’uno stabile di Via Santa Chiara, nel centro della popolosa frazione dello Scalo coriglianese, e che avrebbe avuto come presunta vittima una 32enne del luogo.

Poco dopo le 13 è stato fermato e condotto in caserma un 50enne residente nella frazione di Schiavonea, il quale nel recente passato avrebbe avuto una relazione sentimentale con la donna che oggi l’ha denunciato per violenza sessuale. 

L’uomo è stato trattenuto da parte dei militi dell’Arma fino alle 22 di questa sera, sottoposto ad un lunghissimo interrogatorio proprio mentre altri colleghi cercavano di raccogliere gli opportuni e necessari riscontri alla versione dei fatti fornita da parte dell’accusatrice.

L’uomo è indagato ma resta a piede libero, dopo avere fornito la propria versione dei fatti e in assenza d’elementi a proprio carico.

Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare l’esatto svolgimento dei fatti, ma l’indagato – come fanno sapere i suoi legali, gli avvocati Gaetano e Matteo Monte – è deciso a dimostrare la propria estraneità ad ogni accusa mossa nei suoi confronti da parte della presunta vittima. 

Di admin