Viktoriya siede in un bar, s’è fermata per un caffè. Lavora lungo la trafficatissima Statale 106. E’ di nazionalità bielorussa, mora, occhi scuri ed inquieti

Ha poca voglia di parlare: «Ormai me la so cavare bene sulla strada. La mia pelle sembra morbida, invece è molto dura. So come trattare il mio lavoro».

Senza documenti e con qualcuno che, inevitabilmente, la protegge.

 

Come decine di altre ragazze di diverse nazionalità “esposte” sulle strade della Sibaritide.


Sullo sfondo dell’omicidio potrebbero esservi “affari” legati al mercato della prostituzione

 

Far west notturno sul lungomare a Ferragosto: ci scappa il morto. 

Forse una lite per qualche apprezzamento di troppo verso alcune donne, forse pure altro…

Il deposito-magazzino "umano" della signora Geraci 

Quelli che...giovani avvocati presenziano ad incontri, mancando d’intrattenere attori e convenuti su recenti perquisizioni cui hanno assistito molto molto da vicino, o su qualche richiesta risarcitoria da centinaia di migliaia d’euro nei confronti di fantomatici diffamatori per conto di veri e prescritti truffatori di qualche milionata d’euro... 

Oh, yes…

Difficile ottenere un cambio di residenza senza l’effettivo “risiedere” in un’altra abitazione da parte di chi ne fa richiesta al Comune.

Norme, procedure ed accertamenti vengono osservati con scrupolo da parte della burocrazia responsabile dei servizi d’anagrafe, che spesso respinge le istanze in difetto dei requisiti oggettivi. 

Spesso, non sempre. Almeno nel Comune di Corigliano Calabro.

Già, vediamo cosa accade qui.

Sono le cinque e mezzo del mattino. 

In Via dei Martiri, alla frazione Scalo di Corigliano Calabro, un uomo rovista nei cassonetti della spazzatura

Una donna, dal proprio balcone di casa, lo riconosce e ne osserva ogni movimento.