A seguito dell’incontro tenutosi nella mattinata di lunedì 22 agosto scorso presso il municipio di Corigliano Calabro e voluto dal sindaco Giuseppe Geraci con gli ex sindaci che negli anni hanno amministrato il Comune sul tema della fusione istituzionale ed amministrativa col confinante Comune di Rossano, il senatore Franco Pistoia (foto), più volte primo cittadino coriglianese negli anni Ottanta e parlamentare della Repubblica nei primi anni Novanta, ci ha fatto pervenire una nota con la quale dichiara pubblicamente la posizione da egli espressa al cospetto dell’attuale sindaco e degli ex sindaci che v’hanno partecipato (Pasquale Benvenuto, Giampiero Morrone, Cosimo Esposito, Giovanni Pistoia, Giovanni Battista Genova ed Armando De Rosis).

«Ho espresso piena solidarietà al sindaco ed ai consiglieri comunali aggrediti con gesti, parole ed atteggiamenti irrispettosi della dignità delle persone e delle istituzioni. Ho ribadito la mia fedeltà all’idea (un sogno?) di una Nuova Sibari (Cassano-Corigliano-Rossano ), che è all’origine di un processo che qualcuno con evidenti storture scopre solo oggi. Ho preso atto, con i partecipanti, che il momento che stiamo attraversando è difficile: tutti siamo chiamati a dare una mano per il suo superamento. Ho condiviso e sostenuto l’invito al sindaco a farsi promotore di una iniziativa intesa a recuperare un clima di serenità che porti i due Consigli di Corigliano e di Rossano a eliminare perplessità e dubbi ed incombenti ombre oscure, iniziativa che potrebbe indurre ad un accordo anche per un eventuale rinvio del Referendum (posizione espressa, credo, solo da me). Persistendo le attuali incomprensioni, il mio “No” sarà convinto e pieno. Grato per l’attenzione, auguro buon lavoro e saluto cordialmente. Franco Pistoia».