Giuseppe Passarelli aveva 19 anni. Era pieno di vita e prestava servizio da appena due mesi come carabiniere ausiliario nell’allora Stazione dell’Arma di Cassano allo Jonio. Il suo obiettivo era quello di diventare carabiniere effettivo, di continuare a indossare per tutta la vita la divisa nera. Il 23 marzo del 1997, però, la vita di Giuseppe veniva stroncata. Inspiegabilmente. Proprio all’interno della caserma dei Carabinieri di CassanoDa un colpo di pistola alla nuca.